International Vegetarian Union (IVU)
Logo IVU 35° Congresso Vegetariano Mondiale
'Cibo per tutto il nostro futuro'

Heriot Watt University, Edimburgo, Scozia
8-14 Luglio 2002
Ospitato da

The Vegetarian Society
of the United Kingdom

Voci Globali
di Tina Fox, Segretario generale, Vegetarian Society UK
, Ottobre 2001

Ho dedicato gli ultimi due articoli ai servizi e agli aspetti sociali del congresso, perciò penso che sia il momento di illustrare ciò che realmente vi si svolgerà in termini di informazioni e opportunità di apprendimento.

Quando discutemmo con gli amministratori (sembra passato tanto tempo …) per decidere il tema del congresso, eravamo d’accordo che tutti gli aspetti del vegetarismo dovessero essere trattati. Ne è risultato un programma vario con discussioni e seminari sulla tutela e i diritti degli animali, l’ambiente, la salute, gli aspetti filosofici e storici del vegetarismo, il suo futuro e la condivisione di informazioni sul vegetarismo nel mondo. Il programma attuale prevede che nei giorni del congresso si svolgano contemporaneamente almeno tre fra laboratori, seminari e dimostrazioni di cucina, ma saranno probabilmente di più con l’aumento del numero dei relatori. In quattro dei sei giorni del congresso si terranno anche delle sessioni plenarie in cui tre oratori discuteranno su un argomento specifico.

All’inizio di ogni giornata sarà possibile fare ginnastica, perché crediamo che il corpo non debba essere trascurato in favore della mente! Le conferenze e le relazioni termineranno entro le ore 18.00 e ogni sera, dopo cena, potrete rafforzare lo spirito di gruppo durante gli intrattenimenti che abbiamo organizzato per voi.

Abbiamo steso un programma provvisorio; se desiderate partecipare per seguire un particolare relatore o argomento, potete usufruire dei pacchetti per partecipanti giornalieri, tuttavia è consigliabile aspettare e fare queste prenotazioni più avanti, perché il programma è soggetto a cambiamenti (è possibile che i relatori debbano cambiare i loro voli o gli orari).

Il congresso comincerà lunedì 8 luglio, nel pomeriggio, per consentire ai partecipanti di registrarsi al mattino e nel corso di tutta la giornata. Daremo il via con una cerimonia di benvenuto dopo pranzo, alle ore 14.00, e speriamo di convincere uno o più dei nostri mecenati e celebri sostenitori a partecipare, perciò tenete d’occhio questo spazio!

I seminari previsti per lunedì includono per ora Sigrid de Leo, ex segretaria dell’Unione Vegetariana Europea (European Vegetarian Union), che parlerà dell’influenza della nutrizione sugli studenti, Alan Watson Featherstone da Findhorn che tratterà del risanamento della terra (restoring the earth) e John Wedderburn da Hong Kong che parlerà del veganismo in oriente. Trattandosi di una giornata breve, subito dopo il coffee break si terrà la sessione plenaria, in cui il nostro Presidente Maxwell Lee, Derek Antrobus (noto nel Regno Unito e in USA per il suo lavoro sulla storia del movimento) ed io parleremo della storia del vegetarismo e del suo futuro. Io mi concentrerò sulle direzioni future, lasciando la storia a chi ha molta più esperienza, dopodiché mi riposerò sugli allori! Parlando seriamente, siccome voglio assicurarmi che tutti i partecipanti siano seguiti a dovere e che questa sia una conferenza da ricordare, non avrò tempo di intervenire in altre relazioni, ma spero di poter partecipare ad alcuni seminari.

Martedì sarà una giornata piena di conferenze: finora ne sono previste 14, più la sessione plenaria. Interverranno tra gli altri Derek Antrobus, John Wedderburn, Sigrid de Leo e Alan Watson Featherstone su nuovi argomenti, Claude Pasquini, coordinatore europeo dell’Unione Vegetariana Internazionale (IVU) e noto filosofo, che parlerà dell’abolizione dello “specismo”, Joyce de Silva di Compassion in World Farming che tratterà di ingegneria genetica, Francisco Martin dalla Spagna sul veganismo e la qualità della vita e Juliet Gellatly di Viva! (Vegetarian International Voice for Animals) sulle campagne per la salvaguardia del pianeta. Ci saranno anche numerose dimostrazioni di cucina a cura dalla nostra Cordon Vert School. La sessione plenaria sarà dedicata alla tutela degli animali con Joyce, Juliet e Francisco che metteranno a nostra disposizione le loro diverse esperienze e conoscenze. Alla sera, speriamo di potervi offrire una discoteca con world music così, se siete stati seduti tutto il giorno, potrete finalmente sgranchirvi le gambe!

Poiché desideriamo che l’apprendimento sia graduale e non vogliamo sovraccaricarvi di lavoro, la giornata di mercoledì sarà libera. Potrete scegliere di partecipare a una delle tre escursioni di un giorno intero in programma o trascorrere la giornata a Edimburgo visitandone gli splendidi musei e le altre attrazioni, oppure potrete rimanere al campus e rilassarvi.

Giovedì torneremo di nuovo al lavoro con un programma ricco di conferenze; inoltre, dalle ore 9.00 alle 11.00 si terrà la riunione generale dell’IVU. In questa occasione svolgerò le mie mansioni di segretaria degli iscritti e di vicepresidente e tutti i partecipanti saranno benvenuti, sebbene solo i rappresentanti di gruppi paganti potranno prendere parte alle votazioni. Si tratta di un’ottima opportunità per essere coinvolti nel lavoro dell’IVU, su cui sarò lieta di dare informazioni a chiunque sia interessato. Le relazioni di giovedì includono Kim Smallwood, direttore del Animal Rights Network USA, che parlerà dei diritti degli animali nel Regno Unito e negli USA, il dott. Hans Diehl, molto noto per il suo lavoro negli Stati Uniti e in Germania, che parlerà di problemi cardiaci e osteoporosi, Rynn Berry, noto conferenziere e scrittore americano, che tratterà gli aspetti storici del vegetarismo e Gerry Coffey, consigliere IVU, che si occuperà di questioni legate alla salute. Abbiamo anche in programma, sempre per giovedì, una sessione per condividere le nostre esperienze di vegetarismo nel mondo, e ci saranno ulteriori dimostrazioni culinarie a cura della Cordon Vert School e di Dilip Barman dagli USA. Alla sessione plenaria, dedicata all’ambiente, parteciperanno David Pye, direttore di Wirral Green Alliance e amministratore di VSUK, George Rodger, presidente della Vegan Society e un terzo relatore ancora da definire.

Il pomeriggio di venerdì sarà dedicato alle gite, ma al mattino si terranno nove sessioni in cui i relatori delle giornate precedenti tratteranno nuovi argomenti e due nuovi oratori, Alex Connell, funzionario per l’educazione giovanile della VSUK, e Marcel Hebbelink, ex presidente della EVU e membro di IVU, si occuperanno della salute dei vegetariani anziani, un argomento spesso trascurato.

Sabato sarà purtroppo il nostro ultimo giorno, ma sarà ricco di impegni. Le quindici sessioni attualmente in programma includono nuovi relatori come la "Lady di ferro” Ruth Heidrich che parlerà del mito della deficienza di calcio, il dott. Douglas Grahamn che tratterà di come le scelte alimentari hanno effetti sul pianeta, Dilip Barman che parlerà di giardinaggio vegetariano, Paul Appleby, il nostro coordinatore di Oxford e noto ricercatore, si occuperà della salute a lungo termine dei vegetariani occidentali e la Prof.ssa Rosalind Gruben che intende stimolare l’ispirazione all’esercizio fisico. Ci saranno inoltre nuove sessioni con Alex Connell, Rynn Berry e Marcel Hebbelink e sarà nostra ospite per un paio di sessioni, come insegnante di cucina, la celebre Rose Elliot, recentemente premiata con un MBE per i suoi servizi al vegetarismo. La sessione plenaria serale sarà dedicata ai temi della salute e interverranno Paul Appleby, il Professor Gruben e Ruth Heidrich. Spero che tutto ciò non vi stanchi troppo perché alla sera avrete bisogno di energia per la cena di addio e per il “ceilidh”. Domenica mattina saluteremo con affetto tutti i partecipanti che non prenderanno parte alla gita dopo-congresso a Nairn.

Se desiderate maggiori informazioni sul programma o sui relatori previsti finora, visitate il nostro sito all’indirizzo www.vegsoc.org/congress o scrivetemi un’e-mail. Un piccolo avvertimento: i posti per la gita dopo-congresso sono già prenotati al 50% e la disponibilità di stanze matrimoniali a Heriot Watt è limitata, perciò, se siete interessati a una o a entrambe le opzioni, vi consigliamo di prenotare al più presto! Spero che imparare di più sul vegetarismo e incontrare nuovi amici siano i vostri propositi per il nuovo anno e che ci raggiungerete a Edimburgo il prossimo luglio.


Traduzione italiana di Laura Boselli laurbose@tin.it