International Vegetarian Union
IVU logo

IVU News

Essere vegetariani: una scelta etica cosciente
English - IVU News 2-97 - Español

Mai sottostimare l'opposizione

Il vegetarianismo al giorno d'oggi è più popolare che mai in passato ed è sempre più diffusa la consapevolezza di come uno stile di vita vegetariano sia più sano, più compassionevole e più valido dal punto di vista dell'ambiente. Comunque, nonostante la crescente coscienza  dei molteplici vantaggi per la salute rappresentati da una dieta senza prodotti animali e la ricchezza d'informazioni disponibili sui pericoli inerenti l'uso e il consumo di prodotti animali, l'impatto del messaggio vegetariano viene significantemente distorto da diversi gruppi di pressione commerciali, politici e religiosi con precisi interessi nel mantenere lo status quo, il modo migliore per controllare mente e tasche dei potenziali clienti o seguaci.

La crisi dell'EBS: le cattive abitudini sono dure a morire

Il recente scandalo della carne bovina ha evidenziato l'esigenza di nuove strategie per affrontare le menzogne e gli imbrogli collegati alla moderna industria della carne ed ai suoi alleati politici. Potenti tecniche di marketing vengono impiegate per modellare le menti e le abitudini di milioni di ingenui consumatori, ai quali viene effettivamente detto cosa pensare e  cosa acquistare e che sono attivamente incoraggiati ad ignorare il loro stesso buon senso ed a scartare come banale allarmismo la prova ormai schiacciante dei rischi per la salute comportati dal consumo dei prodotti della moderna industria della carne.

McSpotlight sulle multinazionali

I cosiddetti piaceri o ingordi istinti suicidi, profondamente radicati nell'ignoranza umana, e la prevalente mitologia del consumo di carne, ancora ampiamente considerati come verità fondamentali ed ineffabili, vengono nutriti con attenzione da governi che agiscono da accoliti per gli equivoci ma fruttuosissimi affari di multinazionali giganti come McDonalds, il cui  successo finanziario a spese dell'ambiente, delle risorse naturali della terra e della salute dei consumatori rappresenta una seria minaccia non solo per le innumerevoli specie animali e vegetali che vengono spazzate via ma anche per la salute della comunità umana mondiale, considerato che le foreste e gli oceani, che sono fonti di vita, sono trasformati in luoghi desolati ed in cloache chimiche incapaci di mantenere la vita.

L'eccellente campagna informativa avviata in seguito al processo McLibel in GB è stata descritta dal quotidiano The Guardian come la più completa fonte d'informazione su una multinazionale mai raccolta allo scopo illustrare le spietate pratiche sociali e ambientali delle potenti multinazionali. La pubblicità per il processo, istigata da McDonalds per sfidare un opuscolo intitolato "Che cosa non va con McDonalds?" può aver aiutato in qualche modo a ridurre i profitti, ma le vendite sono comunque aumentate del 14.2 per cento nel primo trimestre del 1997, ed i profitti sono saliti vertiginosamente a 344.5 milioni di dollari nel medesimo periodo dell'anno precedente.

Raccogliere le sfide della cultura della carne

Potremmo chiederci quali intentate strategie possano avere possibilità di successo nella nostra lotta di David e Golia per salvare ciò che rimane del nostro verde pianeta. Cosa potremmo fare per rendere meno gratificante il saccheggio, l'uccisione o la distruzione di ciò che è unico ed ha richiesto milioni di anni per la sua creazione. Che cosa si può fare per evitare la discesa della nave spaziale terra verso la disintegrazione finale in un enorme macello ed in una discarica di rifiuti? Come può la terra recuperare un po' del lustro perduto e noi un po' della nostra ragionevolezza?

Visto che sta diventando sempre più difficile distinguere tra le vittime della follia umana, e poiché l'utilizzo sbagliato della tecnologia si è diffuso in modo pericoloso in un mondo robotico sempre più interessato al clonare ed al pasticciare con la vita, piuttosto che alla cura ed al rispetto per l'individuo, è importante - sia nell'interesse dei vegetariani che dei non vegetariani -  assumere un ruolo più attivo e determinato per cercare di diventare parte della soluzione piuttosto che rimanere, per omissione o per esecuzione, una parte del problema.

Rompere le catene dell'ignoranza

Numerosi medici e scienziati si stanno comportando come forti antagonisti e maestri nell'inganno su temi dei quali conoscono molto poco. Per ignoranza o per interesse, o per combinazione di entrambi, si avviano a  fuorviare o a fornire informazioni sbagliate al pubblico sui temi della salute e della nutrizione, qualche volta con risultati fatali.

In una  recente discussione alla radio sulla possibilità o meno che i mangiatori di carne siano influenzati dalla paura provata dagli animali al macello,  sono stato messo a confronto con un biologo  e con un medico la cui mitica convinzione del supposto bisogno di proteine animali ha reso loro pressoché impossibile accettare una dieta priva di prodotti animali, e di conseguenza ha messo in discussione la mia parola ed anche la mia stessa esistenza.

Paradossalmente, cibi ed animali vengono ora modificati e manipolati geneticamente da cosiddetti esperti i quali potrebbero essi stessi aver bisogno di alterare idee e dieta, che forse ignorano i più elementari principi della vera nutrizione ed hanno molto da imparare a proposito di quali cibi non modificati siano più adatti all'organismo umano. 

Allo stesso modo, gli animali vengono clonati e manipolati perché i ricercatori non hanno alcun rispetto per i diritti delle loro vittime come individui e non possono accordare loro il reale stato di esseri senzienti, perché un simile rispetto per la vita invaliderebbe sia l'esigenza che l'accettabilità della loro cosiddetta ricerca. 

Il desiderio veramente spontaneo di stabilire un rapporto etico e salutare con il nostro cibo e con l'ambiente fisico e sociale comune a tutti, farebbe da solo molto per determinare i cambiamenti necessari ad impedire che l'animale umano soccomba all'apatia ed all'autoinganno, e per aiutare a vincere le ingiustizie indecenti e lo scompiglio sociale che minacciano una distruzione ambientale ancora maggiore.

- Francisco Martín, Segretario Generale
Traduzione Italiana di Franco Tedaldi

cartoon


IVU News accoglie con piacere le collaborazioni.
Il materiale pubblicato non riflette necessariamente le opinioni del curatore o le linee di condotta dell' International Vegetarian Union.