International Vegetarian Union
IVU logo

IVU News

Una giornata al rifugio per il recupero di animali da allevamento
English - IVU News - Numero 3 - 1998 - Español
'Secondo me, la vita di un agnello non è meno preziosa di quella di un essere umano.'
- Mohandas Gandhi

'Mai più ucciderà l'agnello che lo guarda nel volto'
- Percy Bysshe Shelley

geraldine
Geraldine
mickey
Mickey
gromit
Gromit
Miss Piggy
Miss Piggy

'Il progresso è la realizzazione delle Utopie.' - Oscar Wilde

L'emozionante esperienza di trascorrere una giornata in campagna al Rifugio per il Recupero di Animali da Allevamento, mi ha offerto l'opportunità di conoscere i singoli animali ospitati e di apprezzarne le affascinanti personalità. Il rifugio, che si trova nel Cambridgeshire in Gran Bretagna, è diretto da vegani ed accoglie animali maltrattati, malati o abbandonati, che, secondo i loro precedenti proprietari, non valevano nemmeno il costo delle cure veterinarie o di una morte indolore.

Felicemente inconsapevoli di quella che sarebbe potuta essere la loro sorte, gli animali, che nemmeno dopo la morte seguiranno un simile destino, ricevono le cure necessarie e, una volta recuperata la salute, rispondono ai loro nomi e possono godere a pieno della vita.

Il rifugio è finanziato per intero da donazioni e da adozioni perché, evidentemente, disfare il lavoro di chi sfrutta gli animali non è considerato un'opera di beneficenza e quindi non gode di alcuna esenzione fiscale. La struttura accoglie 500 ospiti tanto fortunati da essere riusciti a sfuggire al coltello del macellaio, alle condizioni disumane e al trattamento degradante riservato a molti altri del loro genere. Sono i bambini ad apprezzare in modo particolare il programma di adozione e le foto e lettere che ricevono a nome degli animali adottati.

Tra gli animali adottabili (vedi foto) c'è Wiggy, enorme affettuosissimo maiale che, mentre mi guardavo intorno, ha interrotto il suo tranquillo sonnellino per venirmi a salutare, togliendomi ogni dubbio su chi scegliere. Comunque, se questo furbetto fuggiasco, trovato sfinito ed affamato mentre correva lungo una strada, non risultasse il vostro preferito, una visita alla fattoria vi offrirà numerose opportunità di incontrare l’animale speciale che vi conquisterà. Mickey, amabile montone, adora esser accarezzato; Miss Piggy, coscienziosa mangiatrice, ha smesso un attimo di masticare per fare un cenno di saluto; Geraldine, dolce pecora che apprezza la compagnia umana ma preferisce mantenersi a distanza; Gromit, bel vitello abbandonato; Remus, montone che quando è stato tolto dalle mani di un trasportatore aveva una zampa irrecuperabilmente fratturata ora ha solo tre zampe ma sembra inconsapevole del proprio handicap; Sarah, pecora eliminata da un allevamento perché non era più fertile; Luckdragon, giovane agnello dal dolce carattere, nato prematuramente e trovato in una siepe dove la madre l'aveva lasciato dopo esser stata spaventata da dei cacciatori; e molti, molti altri.

Che sia a causa della fama, della fortuna o della soddisfazione di bisogni reali o immaginari, se confrontiamo la comune visione umana dell'Utopia - come versione modificata del mondo antropocentrico artificiale che conosciamo e abbiamo contribuito a creare - con l'equilibrio simbiotico delicatamente bilanciato del rapporto tra animali non-umani, ambiente, fonti di cibo e complessi sistemi sociali, il loro più ardente desiderio, purtroppo ancora irrealizzato, risulterà senz'altro essere la visione di un pianeta privo di qualunque segno di vita umana, oppure un luogo abitato solo da quegli appassionati volontari che gestiscono i santuari, dove possono essere curati, e il cui amore ed attenzione riempia le loro vite del significato e del valore perduti nel diventare macchine produttrici di carne, latte o lana.

Gli animali non-umani non dovrebbero subire le conseguenze della nostra incapacità nello sfruttare le doti di esseri compassionevoli e caritatevoli in grado di estendere i nostri confini etici. Il nostro dovere morale deve perciò essere dimostrare alle altre creature che gli umani che veramente si preoccupano di ciò che li circonda possono fare la differenza, sfidando le abitudini e le idee radicate che limitano i nostri attuali confini etici e permettono la schiavitù degli animali e la follia autodistruttiva che minaccia di abbattere i valori essenziali e la reale qualità e ragione delle nostre vite.

- Francisco Martín

Wiggy
Wiggy

Farm Animal Rescue Sanctuary, Trustees
59, Edgell Road, Staines, Middlesex TW18 2EP, UK
Tel. 01784 461360 Fax 0181 265 3277
E-mail: far@ivu.org Sito web: www.ivu.org/far

Traduzione italiana di Alessandro Cattelan


IVU News accoglie con piacere le collaborazioni. Il materiale pubblicato non riflette necessariamente le opinioni del curatore o le linee di condotta dell' International Vegetarian Union.