International Vegetarian Union (IVU)
IVU logo

IVU News

Calorie, dollari ed empatia
Uno sguardo filosofico sul cibo
di Claude Pasquini
IVU News - Agosto 1999
English - Español - Deutsch

Se ammettiamo che l’ecologia e l’economia si occupano della stessa cosa e cioè delle risorse naturali, e se ammettiamo anche che se ne occupano usando lingue, concetti e termini diversi per descriverle, allora potremmo forse arrivare a comprendere perché ambiente ed economia globali versino entrambi in pessime condizioni. Di fatto se uno non gode di buona salute, anche l’altra di riflesso si trova nella medesima situazione, dal momento che ad essere effettivamente in cattive condizioni sono in realtà le nostre risorse naturali.

Le risorse naturali esistono

Quando un ecologista studia le risorse naturali, lo fa in termini di energia, di calorie. Quando è invece un economista a riflettere sulle risorse naturali, egli procede all'analisi in base al valore monetario, al dollaro o all’euro per esempio.

Potremmo guardar alle risorse naturali da un punto di vista ecologico, economico o, perché no, addirittura da un punto di vista spirituale. Ciò che cambia é il modo in cui noi le osserviamo. Ciò che non cambia è il fatto che le risorse naturali esistono e sono composte da energia, da materia che vive e che muore, che sente e che pensa. E queste risorse esisteranno sempre, indipendentemente dal modo in cui le consideriamo, a meno che, ovviamente - un giorno - materia ed energia siano più risorse per nessun essere umano e per nessun essere vivente. Ciò accadrebbe se la vita e le sue sparissero dalla faccia della terra.

Siamo noi il problema alimentare

La materia e l’energia ci sono. Indipendenti - così come sono - dal modo in cui le valutiamo, non possono costituire il problema. E' il modo in cui noi le valutiamo il vero problema! Non lasciamoci incantare da quanti sostengono che abbiamo problemi alimentari, o problemi ambientali, siano essi a livello locale, regionale, nazionale o globale. Diciamo loro invece che siamo noi il problema ambientale e sempre noi il problema alimentare.

L’unicità diecologia edeconomia

Fino a quando, per esempio, crederemo che un’economia fiorente inevitabilmente comporti il degrado ambientale o che un eccessivo riguardo nei confronti dell’ambiente avrà ripercussioni negative sul nostro sviluppo economico e sul benessere, fino a quando la penseremo così, continueremo a immaginare lo stato ecologico del mondo e lo stato economico del mondo come due emisferi separati, quando in realtà non lo sono.

Quando parliamo di ripristinare l’equilibrio tra economia e ecologia, il nostro desiderio ci illude che esse siano distinte solo nelle nostre menti. Tenendole separate nelle nostre menti, allontaniamo noi stessi dalle risorse naturali, che costituiscono - dopo tutto - il nostre ambiente naturale, e allo stesso tempo e in senso lato il nostro cibo naturale.

Crisi ambientale globale la crisi alimentare globale si identificano ed entrambe ci riguardano. Né l’economia né l’ecologia potranno mai risolvere queste crisi fino a quando non riusciremo a considerarenoi stessi come parte integrante delle nostre risorse naturali.

Siamo cibo e ambiente. Siamo anche empatia?

Quando mangiamo, mangiamo l’ambiente. Quando digeriamo, diventiamo cià che mangiamo, diventiamo ambiente. Quando espelliamo le feci, espelliamo ambiente nell’ambiente e dato che - come dice il vecchio adagio - siamo ciò che mangiamo, noi siamo ambiente.

Una volta compreso questo, anche le nostre menti diventeranno una risorsa naturale, che - finalmente - non farà più distinzione tra cibo e ambiente, una mente che cercherà di arrecare meno danni possibili all’ambiente, al cibo e infine, non certo per importanza, a essa stessa.

Una mente del genere non può certo non ricondurci a un modo di vivere e di nutrirci non violento e, in senso ecologico, conservatore. Questa è l’unica via di uscita nobile, o meglio ancora, questa è la via d’uscita vegana alla nostra crisi ambientale e alimentare. Questa è la via d’uscita vegana dalla terra desolata di calorie e dollari, verso orizzonti ancora ignoti, dove questi concetti sfumano in un’empatia con la vita e dopo essere stati una visione di bellezza diventeranno finalmente una concreta realtà.

Traduzione Italiana di Monica Mainardi fuxhia@tin.it


IVU News accoglie con piacere le collaborazioni.
Il materiale pubblicato non riflette necessariamente le opinioni del curatore o le linee di condotta dell' International Vegetarian Union.