International Vegetarian Union (IVU)
IVU logo

Strategie per Promuovere il Vegetarianismo

from EVU News, Issue 2 / 1996


Durante l'incontro generale annuale AGM 1996 a Trogen, il punto numero 14 dell'ordine del giorno è stato trattato in una sessione speciale, in modo da dedicare più spazio all'argomento. I partecipanti, provenienti da vari paesi e membri di diverse associazioni, hanno descritto le proprie esperienze ed attività e scambiato idee.

Thomas Schönberger (D) del Vegetarische Initiative Hamburg (Iniziativa Vegetariana di Amburgo) ha presentato la strategia  Advertisements and Posters (Pubblicità e Poster),  strutturata nel modo seguente:

A) Spedizione di richieste di aiuto finanziario, per portare a termine l'iniziativa, ai sostenitori.
B) Campagna stampa che riporta  nome e professione degli sponsor.
C) Relazione, resoconto e ringraziamento ai partecipanti dopo la pubblicazione dell'annuncio.

Max Molteni (CH), nuovo membro del Centro di Documentazione Animalista, Bellinzona /Ticino, ha illustrato la Campaign throughout Europe against Poultry in Batteries (Campagna in tutta l'Europa contro gli allevamenti avicoli in batteria) in cui delegati di vari paesi dovrebbero dimostrare contro i governi.

Erwin Laupert, presidente dell'Österreichische Vegetarier Union (Unione Vegetariana Austiaca) ha affermato che, a causa del crescente interesse dei media, gli attivisti devono diventare sempre più spettacolari ed aggressivi.

Aversion to Meat - Public Opinion (Avversione alla carne - Opinione Pubblica). Grazie ai numerosi scandali nell'industria della carne c'è nel pubblico una crescente avversione alla carne. Si dovrebbe perciò trarre vantaggio dal momento favorevole e rendere noto quanto possono essere deliziosi i pasti vegetariani.

European Meat out - (Giornata Europea senza carne) E' stato suggerito di lanciare una Meat Out Day (giornata senza carne) in Europa, per esempio il 16 ottobre, in concomitanza con il World Food Day (Giornata Mondiale per il Cibo). L'idea è di produrre un breve e semplice volantino con consigli pratici. Si dovrebbe provvedere una ricca documentazione per tutte le associazioni-afferenti all'EVU. Renato Pichler e Sigrid De Leo raccoglieranno, con l'aiuto degli altri, le informazioni per una giornata senza carne. Vanessa Clark e Francisco Martin le tradurranno in inglese. Erwin Laupert ha proposto inoltre di redarre informazioni mediche circa lo stile di vita vegano, considerato che recentemente i media hanno  diffuso una grande quantità di informazioni sbagliate sull'argomento.

Indirizzi - Gli indirizzi dei più importanti media dei paesi europei (specialmente delle agenzie) dovrebbero essere disponibili attraverso l'ufficio EVU, perciò sarebbe auspicabile spedirvi   tutti gli indirizzi disponibili, con i numeri di FAX (se possibile su dischetti).

Lettere al curatore  - Le lettere ai curatori sono davvero importanti, perché sono lette con interesse da molte persone e forniscono informazione ai giornalisti. Erwin Laupert ha aggiunto che scrivere a singoli politici potrebbe rivelarsi una strategia molto utile.

Campi per bambini Sigrid De Leo ha illustrato la sua lunga esperienza nel lavoro con i bambini. I campi possono dimostrarsi molto istruttivi, perché in gruppo è più facile cambiare le abitudini alimentari. L'esperienza insegna che i bambini possono persino mutare le abitudini alimentari della famiglia. Se si nutrono in base aduna dieta più o meno vegana, senza zucchero e cibi elaborati, anche i bambini con difficoltà di comportamento diventano più calmi e tranquilli.

Christina Mayer (CH), di Losanna, segretaria della nuova associazione ARA, Action pour le Respect des Animaux (Azione per il rispetto degli animali) ha descritto la sua idea di lanciare menù vegetariani in locali pubblici a Losanna e Ginevra, le due maggiori città della Svizzera francese. E' stata mandata una lettera a 370 ristoranti di Ginevra ed a 375 ristoranti di Losanna, chiedendo ai proprietari di preparare piatti vegetariani ed il giornale più importante ha pubblicato un articolo sul tema. A Ginevra il mailing si è esteso agli ospedali, alle mense scolastiche, ai servizi sociali, alle carceri ed alle case di riposo.
35 ristoranti ed istituti hanno risposto e spedirono i propri menù. Nota: a Ginevra come a Losanna McDonalds ha comunicato che, a partire dal primo maggio, tutti i 64 McDonalds svizzeri servono un Vegi-Mac, un Hamburger vegetariano.
La Migros School, la più grande scuola privata svizzera per l'istruzione professionale sta offrendo per la prima volta corsi di cucina vegetariana.

Carmen Somaschi (I), segretaria dell'AVI (Associazione Vegetariana Italiana) ha parlato della propria esperienza alle fiere. L'AVI partecipa a tutte le fiere ed esposizioni con uno stand. La sua stima è che le visite agli stand raggiungano circa 30.000 persone al mese.

Francisco Martin (E) ha comunicato che in Spagna l'offerta di pasti vegani al pubblico ha ottenuto un grande successo.

Al termine della sessione Sigrid De Leo (CH) ha aggiunto ulteriori suggerimenti, ricordando il progetto di Charlotte Probst (A) La Protezione degli Animali a Scuola, le mostre in scuole, Università, Centri Commerciali e Campi per bambini, le conferenze, le attività spettacolari, (Si veda Bicycling for Recycling from the Swedish Vegan and Vegetarian Societies, Bicicletta e riciclaggio, delle Associazioni Vegana e Vegetariana Svedesi), le catene di telefonate a gruppi locali per reagire velocemente su giornali, i programmi televisivi, ecc., e - ultima ma non meno importante - la citazione di vegetariani famosi sui giornali.

Per i verbali: Renato Pichler, presidente della Swiss Union for Vegetarianism
(Unione Svizzera per il Vegetarianismo). 

Traduzione Italiana di Franco Tedaldi e di Paola Segurini