International Vegetarian Union (IVU)
IVU logo

1847-1997 Vegetarianismo
Un motivo per festeggiare

Español - dal Notiziario EVU, Numero 2 /1997 - English

Sebbene alcune persone lo considerino un nuovo capriccio di moda, in realtà il vegetarianismo ha una storia lunga; Brahminismo, Buddismo, Giainismo e Zoroastrianismo, religioni costituite da tempo, difesero l'astensione da cibi preparati con la carne, come facevano i primi filosofi e pensatori come Pitagora, Seneca, Ovidio, Diogene, Platone, Plotoni, Socrate. In tempi più recenti scrittori famosi come Voltare, Paley, Pope, Shelley, Bentham e Lamartine espressero opinioni concordi a proposito della desiderabilità di una dieta priva di carne. Anche John Wesley, cofondatore del Metodismo e John Howard, il riformatore delle istituzioni carcerarie, erano vegetariani.

Prima del diciannovesimo secolo, però, non si fece alcun tentativo di organizzare un movimento vegetariano nel Regno Unito. Nel 1809, il Reverendo William Cowherd, fondatore della Chiesa della Bibbbia Cristiana a Salford, chiese alla sua congregazione di trattenersi dal mangiare carne. Uno dei suoi seguaci era Mr. Joseph Brotherton, Deputato di Salford, che più tardi divenne uno dei primi presidenti della Vegetarian Society. Inoltre sua moglie pubblicò il primo libro di cucina vegetariana nel 1812. È probabile però che molte delle ricette di allora non soddisferebbero i gusti di oggi! Due seguaci del Reverendo Cowherd, il Reverendo William Metcalfe ed il Reverendo James Clark emigrarono negli Stati Uniti nel 1817 con 39 altri membri della Chiesa della Bibbia Cristiana e formarono il nucleo di un movimento vegetariano in America. Nel 1846, un ospedale vegetariano chiamato Villa Northwood era stato costruito a Ramsgate, nel Kent, sotto la direzione di Mr. e Mrs. Horsell, entrambi eminenti vegetariani. In un incontro tenuto in quell'ospedale il 30 Settembre 1847 si formò la Vegetarian Society, che è, a nostra conoscenza, la più antica associazione vegetariana del mondo.

La società appena formata tenne il suo primo incontro a Manchester l'anno seguente, ed aveva già raggiunto il numero di 478 membri. Il primo numero della rivista della Società Vegetariana, allora chiamata Il Messaggero Vegetariano, uscí nel Settembre 1848 e ne furono diffuse quasi 5000 copie. Mr Isaac Pitman, famoso per l'invenzione della stenografia, parlò al secondo incontro annuale della Società ed annunciò di essere vegetariano da 11 anni. La Società Londinese per la Riforma Alimentare fù istituita nel 1877 e fra i suoi membri contava il Dr. Allinson (ora immortalato in un popolare marchio di pane integrale). Quest'organizzazione si riuní con la Vegetarian Society nel 1885 e divenne il suo Ramo Londinese, ma sussisteva qualche frizione, e nel 1888 il Ramo Londinese si staccò e divenne una seconda società nazionale, la London Vegetarian Society, con la propria rivista: The Vegetarian. Entrambe le Società fiorirono durante la seconda metà del diciannovesimo secolo e nella prima metà del ventesimo. Il Mahatma Gandhi era membro della London Vegetarian Society mentre George Bernard Shaw si uní alla Società originale, che allora aveva il suo centro nell'area di Manchester. Altri vegetariani famosi di quel tempo sono Bramwell Booth dell'Esercito della Salvezza, Anna Kingsland, medico che faceva campagne per i diritti delle donne, Mrs. Annie Besant della Società Teosofica, ed il romanziere russo conte Tolstoy.

Il tipo di cibo disponibile alla maggioranza dei vegetariani di allora era piuttosto insignificante per i nostri standard. Abbastanza stranamente, le riviste pubblicavano volentieri testimonianze di individui vegetariani che attribuivano alla dieta vegetariana il merito della propria buona salute. Una di queste testimonianze è quella di un certo Mr. Ching di Stockwell, che mangiava solamente "fagioli per cena con altre verdure, patate e cavolo cappuccio; pane integrale e burro con il tè per prima colazione, e zuppa, qualche volta con formaggio". Considerava inoltre che la sua occupazione non era "molto laboriosa". Gli orari degli affari andavano solo dalle 8 alle 20.30, ed egli doveva camminare per tre miglia per andare al lavoro, e lo stesso per tornare! Sembra che gli eventi sociali delle Società Vegetariane siano stati memorabili; per esempio, nel 1920, la Vegetarian Society tenne corsi estivi alla Arnold House, a Llanddulas, che durarono per cinque settimane nel periodo delle vacanze, ed ottenne la partecipazione di una media di 70 persone a settimana.

La Seconda Guerra Mondiale fu un periodo difficile per i vegetariani. Si formò il Comitato per gli Interessi dei Vegetariani (Committee of Vegetarian Interests), con rappresentanti delle due Società Vegetariane, dei produttori e dei rivenditori di cibo salutare, per rapportarsi con il Ministero dell'Alimentazione ed ottenere concessioni. Ai vegetariani fu concessa una razione extra di formaggio, ed il comitato fu molto preoccupato di assicurare una distribuzione preferenziale di noci ai vegetariani. Quando il numero dei vegetariani registrati crebbe bruscamente durante gli anni del razionamento, si sospettò che alcuni non-vegetariani firmassero per ottenere le noci ed il formaggio extra! Ovviamente la natura Umana non è cambiata molto, perché questo è ciò che succede ancora oggi nel nostro sistema carcerario e nei viaggi in aereo. Questo portò a considerevoli discussioni circa la definizione di vegetariano e sui metodi per assicurare che solo vegetariani in buona fede potessero ritirare le porzioni extra.

Il Comitato per gli Interessi dei Vegetariani continuò per molti anni dopo la guerra, unendo agli altri anche rappresentanti dei ristoratori vegetariani, l'associazione dei fornitori di cibi e bevande (Vegetarian Catering Association) e la Società del Latte Vegetale (Plantmilk Society). Quando ebbe fine il razionamento, la loro attenzione si portò su cose come l'introduzione di una classe vegetariana nella competizione del Salone Gastronomico, la produzione di formaggio di origine non animale, gli standard nella distribuzione di cibi vegetariani, e la costituzione d'una produzione di latte di soia in Gran Bretagna.

Negli anni '50 e '60, le Società cominciarono a lavorare sempre di più insieme, e dopo il 1958 decisero di sostituire le loro riviste con una pubblicazione congiunta, Il vegetariano Britannico (The British Vegetarian). Nel 1969, si amalgamarono e formarono di nuovo una sola società: l'organizzazione di oggi, The Vegetarian Society of the United Kingdom Ltd. La rivista dell'associazione ha cambiato titolo diverse volte, ed è diventata oggi "The Vegetarian". È stata pubblicata con continuità a partire dal suo primo numero, nel 1848. Il vegetarianismo crebbe fortemente negli anni 1970 ed 80, con una guida eminente della Vegetarian Society nelle campagne e nell'insegnamento. Si formò la Sezione di Cibo e Cucina della Società per insegnare nutrizione e cucina vegetariana attraverso corsi e dimostrazioni. Entro il 1983 la richiesta diventò così forte che la Sezione di Cibo e Cucina fu sostituita dalla Scuola di Arte Culinaria, The Cordon Vert Cookery School, che tiene oggi corsi quasi ogni settimana per tutti i livelli di competenza, dai principianti fino agli chef professionali.

La pianticella, il nostro famoso simbolo, fu usato per la prima volta nei primi anni '70 come logo delle Società nuovamente riunite. Nel 1987 cominciammo il progetto per dare ai produttori la licenza di usare il simbolo con la pianticella sui prodotti vegetariani, quando superano controlli approfonditi. Questo ha reso molto più facile fare la spesa e, secondo una recente indagine di McCains, è riconosciuto dal 96% dei vegetariani. La nostra associazione Cibo e Bevande, uno sviluppo ulteriore di questo progetto, fornisce un servizio analogo in relazione ad alberghi, ristoranti e distributori per l'alimentazione alberghiera.

La Giornata Vegetariana Nazionale fu organizzata per la prima volta nel 1991, e si dimostrò così popolare che si estese nella Settimana Vegetariana Nazionale e da allora fu tenuta ogni anno, culminando quest'anno nella nostra prima VegFest, tenuta a Castlefields, Manchester. Questa eccitante giornata-evento, completa della più grande insalata del mondo, bande steel, dimostrazioni gastronomiche e rutilanti vegetali che giocano a football attirò 5000 persone e tutti si divertirono! L'evento, e la settimana in generale, attrassero persino più del solito la stampa, riflettendo il crescente interesse verso il vegetarianismo, che la più recente indagine del Realeat stima in 5000 conversioni a settimana nel Regno Unito. Anche una quantità di altre organizzazioni che trattano aspetti particolari dello stile di vita vegetariano si sono sviluppate insieme con la Vegetarian Society, come l'associazione per l'Edilizia Vegetariana (Vegetarian Housing Association, chiamata Homes for Elderly Vegetarians prima del 1990), il Movimento Vegetariano Giovanile Britannico (British Vegetarian Youth Movement), la Carità vegetariana (The Vegetarian Charity), e il Club Vegetariano per il Ciclismo e l'Atletica (The Vegetarian Cycling & Athletic Club), fondato nel 1887.

Oggi, nel Regno unito, circa tre milioni e mezzo di persone sono vegetariane, comprese alcune degne di nota come Paul e Linda McCartney, i Patroni della Società, Tony Banks, Ministro dello Sport, l'attore Nigel Hawthorne, la campionessa di tennis Martina Navratilova, la scrittrice Ruth Rendell e l'astronoma Heather Cooper. Ristoranti, distributori per l'alimentazione alberghiera, supermarket e produttori si sono resi conto della dimensione del mercato, ed ora abbiamo in abbondanza pasti gustosi e pasti già pronti, e un'enorme varietà di panini e ripieni vegetariani, comprese salsicce, pancetta, paté, e cibi pieni di colore fatti arrivare da ogni parte del mondo. C'è una bella differenza rispetto ai fagioli, patate e cavolo cappuccio di Mr. Ching!

Ed ora, dove si va? Prima di tutto le feste! La Società ha due eventi principali per celebrare il suo specialissimo compleanno. Il 30 settembre si terrà un party al Mayfair InterContinental Hotel di Londra, e Sabato 4 ottobre si farà a Salford una Cena di Gala, un evento congiunto con il Consiglio Cittadino di Salford per ricordare il loro precoce coinvolgimento nel movimento, e parte degli incontri annuali generali della Società e dei week-end sociali. Se qualcuno desiderasse dettagli su questi eventi può mettersi in contatto con Julie Rowbottom alla Società Vegetariana. Ora torniamo ai lavori intrapresi per continuare a promuovere il vegetarianismo in tutti i modi possibili, sperando non occorrano altri 150 anni!

Bronwen Humphreys e Tina Fox

La Società Vegetariana del Regno Unito - The Vegetarian Society UK
Parkdale, Dunham Road, Altricham, Cheshire WA14 4QG, UK
Tel. +44 161 928 0793, Fax: +44 161 926 9182 email: info@vegsoc.demon.co.uk


Traduzione Italiana di Franco Tedaldi