International Vegetarian Union (IVU)
IVU logo

Rapporto da Malta

Dal Notiziario EVU, Numero 2 /1997 - English

Il 5 ottobre la Società Vegetariana (VS) di Malta - la splendida isola nel mare Mediterraneo - celebrerà i suoi cinque anni. Per me personalmente è molto significativo ricordare come incominciò l'attività. Da poco meno di due anni praticavo lo yoga con Ananda Marga ed avevo progettato diverse volte con la mia insegnante di meditazione - un'americana che condivideva il mio entusiasmo per l'idea - di creare di una società vegetariana. Infatti fu lei a prendere l'iniziativa di scrivere ai giornali la lettera da cui partì tutto.

E' un'ironia che l'insegnante sia rimasta a Malta solo per un paio di mesi dopo tale iniziativa - venne mandata da qualche altra parte del mondo - e quindi non abbastanza a lungo da poter ottenere alcun riconoscimento per il lavoro avviato. Potrebbe essere significativo sapere che, prima di venire a Malta, la stessa insegnante di meditazione era stata in Svizzera, dove aveva l'incarico di gestire un asilo (o forse una scuola elementare, non ne sono sicura) di Ananda Marga. Quando ho visto la foto dei bimbi svizzeri della AMURT nell'ultimo numero del notiziario EVU, tutto questo mi è ritornato in mente.

Durante i pochi anni trascorsi dalla sua creazione, la VS di Malta è stata testimone di un forte mutamento nella consapevolezza del pubblico maltese e siamo fieri di poter affermare che il lavoro da noi svolto per incrementare lo slancio di tale cambiamento è stato notato.

Il nostro impegno si è concentrato principalmente sulla stampa di informazioni, cioè di regolari newsletter ai membri e di un periodico prevalentemente in maltese, con qualche articolo in inglese. Organizziamo, piuttosto regolarmente, degli incontri tra membri ed ospiti ed in queste occasioni ascoltiamo conferenze, mostriamo video e prepariamo cibo vegetariano. La risposta è sempre stata incoraggiante ed i nostri sforzi si sono dimostrati efficaci.

“Reverence for Life”, il nostro programma di ottobre, è ora istituito nel calendario degli eventi degli altri gruppi ambientali, di protezione animale e spirituali. Tutti insieme ci raccogliamo in uno sforzo per far crescere la coscienza della gente rispetto alle varie istanze vegetariane. Distribuiamo una quantità di informazioni e riceviamo una cospicua attenzione dai media.

Le persone che hanno dato vita alla VS erano guidate principalmente da motivazioni spirituali, ed a ciò attribuisco il successo della VS di Malta. Ora sembra esserci uno spazio maggiore per allargare il nostro orizzonte, e siamo felici che l'aumento dei soci attivi permetta di mantenere aggiornata la ricerca scientifica e ci consenta di essere condotti da qualcosa di più che il " solo" sentimento. A questo proposito, siamo grati ad EVU, IVU ed alle altre organizzazioni che ci riforniscono di informazioni affidabili.

All'inizio era importante per noi avere un numero sostanzioso di membri, e le nostre attività erano principalmente mirate ad incrementarlo. Ora sembra che un'associazione con un numero considerevole di soci abbia i suoi aspetti positivi e quelli negativi. Mentre in un certo modo le nostre vedute ed argomenti possono trovare sempre più credito, un crescente numero di membri si aspetta che molto più tempo ed energia sia speso in lavoro organizzativo fra la gente già convinta.

Ci sono tanti programmi che desideriamo introdurre, mirati alle varie sezioni della popolazione oltre la scuola, l'industria della distribuzione alimentare, la cura della salute, ecc. ed ora vogliamo rendere chiaro a tutti che il nostro non è solamente il sogno di qualcuno, qualche strana ideologia basata su complicazioni filosofiche che la gente vorrebbe piuttosto evitare di approfondire, ma che in effetti si tratta di uno stile di vita molto pratico che tutti siamo in grado di seguire. Dobbiamo mostrare che i benefici sono reali e tangibili. Malta è un paese molto piccolo (con una popolazione di 0.3 milioni di persone) e fino a cinque anni fa ben poca gente conosceva il significato della parola “vegetariano”. Oggi almeno possiamo essere soddisfatti del fatto che questo termine sia nel vocabolario di ciascuno. Molti sono diventati vegetariani, e la vendita di cibi salutari si è moltiplicata. Siamo stati invitati da altre organizzazioni a parlare ai loro membri, e abbiamo partecipato a numerose discussioni alla radio ed in televisione su temi riguardanti la nutrizione o dei diritti degli animali.

Tentiamo di essere quanto più possibile positivi nelle nostre campagne ed attività. Cerchiamo
di non essere coinvolti in proteste troppo provocatorie, abbiamo invece introdotto l'idea di trovare un equilibrio fra crudeltà ed amore. Dando voce alla espressione d'amore che è in ognuno di noi, un giorno saremo un movimento talmente forte che la crudeltà morirà semplicemente di morte naturale.

Naturalmente, ci sono casi in cui è nostro dovere sostenere iniziative che proteggono i diritti degli animali. Le leggi maltesi riguardo ai problemi degli animali sono molto primitive. A questo proposito stiamo portando avanti un lavoro di squadra con altri gruppi per proporre una nuova legislazione che ci porti ad essere in linea con l'Europa. Molte volte con la scusa della "tradizione" si commettono molte atrocità.

La vigilia del 29 di giugno, festa dei Santi Pietro e Paolo, molti maltesi si raccolgono in un giardino detto Buskett e festeggiano uccidendo molti conigli per la cena tradizionale. L'indomani, sotto il sole cocente delle 14.30, tanti cavalli da corsa sfrecciano su per la collina fino a Rabat, percorrendo una strada ripida montati da fantini qualche volta sono troppo esaltati con la frusta. Recentemente c'è stata l'introduzione di un premio speciale per colui che mostri più attenzione e premura per il suo cavallo durante la corsa, ma ciò ,ovviamente, non è un grande deterrente per il fantino meno benevolo.

Così quest'anno abbiamo deciso di diffondere un comunicato stampa per condannare tutti i comportamenti non etici a cui conducono le scuse della "tradizione" o della "cultura", o qualsiasi altra scusa. E per mantenere il nostro atteggiamento positivo faremo un barbecue vegetariano la stessa notte, per mostrare a tutti che si può celebrare anche senza crudeltà. La nostra speranza è che quest'azione possa essere di qualche impatto.

Katherine Azzopardi, The Vegetarian Society of Malta, c/o Church Avenue, Paola PLA 05, Malta

  • Malta - from the Global Directory

Traduzione Italiana di Franco Tedaldi e di Paola Segurini