International Vegetarian Union
IVU logo


Foglio informativo
Gatti - una dieta vegetariana?

da Vegetarian Society UK

Sebbene sia possibile nutrire adeguatamente i propri cani con una dieta vegetariana, per i gatti è consigliabile riflettere con attenzione prima di passare ad una dieta vegetariana poiché questi sono maggiormente specializzati dal punto di vista alimentare.

I gatti sono carnivori per natura ed è improbabile che accettino spontaneamente l’esclusione della carne dalla loro dieta. I gatti nutriti con una dieta vegetariana cercano altrove il loro cibo preferito, e quindi andranno a cacciare e uccideranno piccoli roditori e uccellini.

I gatti necessitano di alcuni nutrienti che provengono dalla carne e non possono essere ottenuti in sufficienti quantità da cibi vegetali. Tra questi segnaliamo la taurina, l’acido arachidonico, la vitamina A e la vitamina B12.

Taurina

La taurina è un amminoacido essenziale per i gatti ma non per altri mammiferi. Una carenza prolungata di taurina, provoca nei gatti una lenta degenerazione della retina dell’occhio che porta a problemi oculari ed eventualmente a cecità irreversibile. Questa condizione è chiamata “degenerazione centrale della retina” (CRD). Il latte vaccino è una risorsa povera di taurina e i cibi vegetali ne sono praticamente privi. L’unica fonte ricca di taurina è la carne.

Acido Arachidonico

I gatti necessitano di una fonte dietetica di acidi grassi essenziali che possono convertire in altri nutrienti essenziali. Una fonte dietetica di questo acido grasso essenziale (acido arachidonico) non è vitale per gli esseri umani che possono sintetizzare tale sostanza dall’acido linoleico presente nel grasso vegetale. I gatti non possiedono gli enzimi necessari per sintetizzare l’acido arachidonico quindi una fonte alimentare è essenziale. I tessuti grassi e il latte quasi non ne contengono, una piccola quantità è presente nelle uova. La carne ne è la principale fonte. La carenza di acido arachidonico impiega del tempo a manifestarsi e le conseguenze sul gatto sono molto serie.

Vitamina A

I gatti non possono utilizzare la provitamina A presente nei vegetali e richiedono quindi la vitamina A (retinolo) presente solo nel cibo di origine animale. Si trovano solo piccole quantità di vitamina A nelle uova e nei latticini. L’alimento più ricco è il fegato.

Vitamina B12

I gatti non sono in grado di sintetizzare autonomamente la vitamina B12 e una fonte alimentare è quindi necessaria. La vitamina B12 è presente solo nei cibi di origine animale.

Niacina

Contrariamente agli altri mammiferi, i gatti non sono in grado di sintetizzare quantità utili di questa vitamina dalle proteine e necessitano perciò di un buon apporto alimentare. Le uova e i latticini sono molto poveri di tale nutriente e la niacina contenuta nei cereali è per la maggior parte inutilizzabile dai gatti. Una dieta basata su cereali, latte e uova sarà comunque carente di niacina. La carne ne è una ricca fonte.

Tiamina

I gatti sono molto sensibili alla carenza di questa vitamina, la quale è facilmente distrutta dal calore. Le uova e i latticini ne sono poveri, la farina integrale e i legumi sono discrete fonti e la carne ne è ricca.

Proteine

I gatti richiedono una grande quantità di proteine nella loro alimentazione e questo può essere un problema in una dieta vegetariana. Più del 25% della dieta del gatto dovrebbe essere costituito da proteine.


Anche se i gatti potrebbero gradire alcuni alimenti di origine vegetale, le diete vegetariane ricche di fibre e acidi grassi polinsaturi potrebbero risultare dannose per la salute del felino. Cibi ricchi di fibre possono riempire l’apparato digerente del gatto senza apportare i nutrienti necessari nella concentrazione adeguata. L’eccesso di acidi grassi polinsaturi negli oli vegetali può condurre a malattie correlate ad una deficienza di vitamina E. Se decidete di nutrire il vostro gatto seguendo una dieta vegetariana, potete richiedere un integratore a: Katz Go Vegan, The Vegan Society, 7 Battle Road, St. Leonards on Sea, East Sussex, TN37 7AA.

Si tratta di una polverina che può essere aggiunta al pasto del vostro gatto. Se pensate che non sia corretto nutrire il gatto con una dieta vegetariana, allora probabilmente potreste preferire i croccantini alle scatolette. Le maggiori ditte che producono cibo per gattioffrono sul mercato croccantini che potrebbero essere meno sgradevoli da maneggiare per i proprietari vegetariani del gatto e potrebbero garantire al vostro animale domestico maggiori benefici per la salute rispetto ai tradizionali cibi in scatola.

I proprietari di gatti vegetariani dovrebbero comunque essere pronti a contattare un aiuto specializzato, magari il proprio veterinario o un esperto nella nutrizione degli animali consigliato da RSPCA (Royal Society for the Prevention of Cruelty to Animals - Regia società per la protezione degli animali, N.d.R.).

e Alessandro Cattelan
Traduzione di Cristiana Vigliaron